Italian  English  French 


Infortunio sul lavoro – Riconoscimento dei postumi invalidanti

Articolo letto 37 volte, scritto il 04/09/2020 da Studio Cafasso

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 16598 del 3 agosto 2020 ha statuito che il  termine di prescrizione triennale dell'azione per il riconoscimento delle prestazioni da infortunio sul lavoro e malattie professionali resta sospeso per tutta la durata del procedimento.La Corte d’appello accoglieva la domanda, per il riconoscimento dei postumi invalidanti a seguito di infortunio sul lavoro e precisava che la sospensione della prescrizione triennale del diritto alle prestazioni erogate dall’INAIL, in favore dell’assicurato, permaneva sino alla definizione del procedimento amministrativo sicché, nella specie, il termine non era decorso.
Contro tale conclusione aveva proposto ricorso l'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, censurando il ritenuto protrarsi dell'effetto interruttivo della prescrizione per tutta la durata del procedimento amministrativo.
Gli Ermellini, rigettando il ricorso, hanno precisato che il decorso dei termini per la liquidazione previsti dall'art. 111, comma 3, del D.P.R. n. 1124/1965  non determina la cessazione della sospensione della prescrizione, ma rimuove la condizione di procedibilità dell'azione giudiziaria, dando facoltà all'assicurato di agire in giudizio a tutela della posizione giuridica soggettiva rivendicata.


Commenta la notizia



Effettua la log-in e accedi al pannello a te riservato.


Resta sempre aggiornato sul mondo di Cafasso e Figli