Italian  English  French 


Scadenza bonus sanificazione: domanda entro il 7 settembre 2020

Articolo letto 127 volte, scritto il 04/09/2020 da Studio Cafasso

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 25/E del 20 agosto 2020, ha fornito ulteriori chiarimenti sulle spese ammesse al bonus per la sanificazione e l’acquisto di DPI.

In particolare scade lunedì 7 settembre 2020 il termine per l'invio della comunicazione delle spese per la sanificazione e l'acquisto di dispositivi di protezione necessaria. L’invio di tali dati, nello specifico, serve per prenotare il credito d'imposta previsto dall'art. 125 del cd. “Decreto Rilancio” (D.L. n. 34/2020).Possono fare domanda per il bonus sanificazione i titolari di partita IVA esercenti attività d’impresa, arti e professioni, gli enti non commerciali, del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti.

Vediamo, quindi, nel dettaglio quali sono gli adempimenti principali da ottemperare per richiedere il predetto bonus.

I dati da indicare nella comunicazione sono due:

  • gli importi sostenuti fino al mese antecedente all'invio telematico (agosto per le comunicazioni inviate a settembre);
  • gli importi che si prevede di sostenere fino al 31 dicembre 2020.

Il credito d'imposta massimo per ciascun beneficiario è di 60.000 euro, corrispondente ad una spesa per la sanificazione e l'acquisto di dispositivi di protezione massima di 100.000 euro. Per quanto riguarda la percentuale dell'ammontare fruibile, occorre attendere un provvedimento ad hoc da parte dell'Agenzia delle Entrate. L’agevolazione, inoltre, non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini Irap.

Si ricorda che il tax credit deve essere utilizzato dai beneficiari nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta di sostenimento della spesa, e in compensazione con il mod. F24, a partire dal 12 settembre 2020.

L’Agenzia delle Entrate ha avuto modo di specificare che le spese per la sanificazione devono essere certificate dalle imprese che svolgono tale attività. La certificazione, in particolare, ha il compito di attestare che le attività poste in essere sono coerenti con quanto indicato nei protocolli di regolamentazione vigenti.

Naturalmente le spese sostenute per l'acquisto dei DPI (mascherine, guanti, visiere e occhiali protettivi, ecc.) devono essere conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea.

È dunque di fondamentale importanza che, ai fini delle attività di controllo, i fruitori del credito d'imposta conservino la documentazione attestante la conformità alla normativa europea.


Commenta la notizia



Effettua la log-in e accedi al pannello a te riservato.


Resta sempre aggiornato sul mondo di Cafasso e Figli