Italian  English  French 


Sgravio contributivo per i contratti di solidarietà-modalità di recupero

Articolo letto 36 volte, scritto il 11/09/2020 da Studio Cafasso

L’INPS con la circolare n. 100 del 9 settembre 2020,  ha illustrato le modalità per il recupero delle riduzioni contributive, a valere sulle risorse stanziate per l’anno 2019 riguardo gli incentivi connessi ai contratti di solidarietà (CdS) difensivi accompagnati da CIGS: i datori di lavoro che stipulano contratti di solidarietà possono fruire di una riduzione contributiva del 35% per ogni lavoratore interessato alla riduzione dell’orario di lavoro in misura superiore al 20% per la durata del contratto e, comunque, per un periodo non superiore a ventiquattro mesi, nei limiti delle risorse preordinate nel Fondo per l’occupazione.

 

Misura e durata dello sgravio

Per l’anno 2019 destinatarie della riduzione contributiva al 35% sono:

- le imprese che al 30 novembre 2019 abbiano stipulato un contratto di solidarietà;

- le imprese che abbiano avuto un contratto di solidarietà in corso nel secondo semestre dell’anno precedente.

Lo sgravio è riconosciuto, per la durata del contratto di solidarietà e, comunque, per un periodo non superiore a ventiquattro mesi nel quinquennio mobile, sulla contribuzione a carico del datore di lavoro, dovuta sulle retribuzioni corrisposte ai lavoratori interessati alla contrazione dell’orario di lavoro in misura superiore al 20%.

Calcolo della riduzione contributiva

La riduzione contributiva deve essere applicata sui contributi versati per ciascun dipendente interessato all'abbattimento dell’orario di lavoro, come stabilito nel contratto di solidarietà.

I datori di lavoro hanno diritto alla riduzione del 35% sulla parte dei contributi a loro carico per ogni lavoratore che, in detto mese, abbia un orario ridotto in misura superiore al 20% rispetto a quello contrattuale.

Compilazione Uniemens

Le aziende interessate, per esporre nel flusso Uniemens le quote di sgravio spettanti per il periodo autorizzato, valorizzeranno all’interno di <DenunciaAziendale>, <AltrePartiteACredito>, i seguenti elementi:

- nell’elemento<CausaleACredito> con il codice causale di nuova istituzione “L982”;

- nell’elemento <ImportoACredito> con il relativo importo.

Le aziende che hanno diritto al beneficio e che hanno sospeso o cessato l’attività, ai fini della fruizione dello sgravio spettante, dovranno avvalersi della procedura delle regolarizzazioni contributive (Uniemens/vig).


Commenta la notizia



Effettua la log-in e accedi al pannello a te riservato.


Resta sempre aggiornato sul mondo di Cafasso e Figli