Italian  English  French 


Imposta di bollo virtuale - Assolvimento tramite F24

Articolo letto 1587 volte, scritto il 12/02/2015 da Studio Cafasso

L’Agenzia delle Entrate con provvedimento datato 3 febbraio 2015, ha comunicato l'estensione dell'utilizzo del modello F24 anche per i versamenti relativi all’imposta di bollo virtuale riguardante gli atti e documenti emessi nell’anno precedente e i relativi accessori, interessi e sanzioni.

Tale adempimento sarà richiesto a partire dal 20 febbraio prossimo al fine di garantire una maggiore efficienza fiscale e una semplificazione a favore dei contribuenti che già utilizzano tale modello per altri pagamenti tributari.

Tuttavia è previsto un periodo transitorio, ossia fino al 31 marzo 2015, saranno concessi versamenti nella vecchia modalità, tramite modello F23, affinché venga assicurato un periodo di adeguamento alla nuova disposizione.

Altresì con la risoluzione 12/E emessa sempre il 3 febbraio, sono stati istituiti i nuovi codici tributo per i versamenti delle somme dovute relative all'imposta di bollo virtuale.

Per quanto precede, ai fini del versamento mediante modello F24 o modello F24 "Enti Pubblici", saranno richieste le seguenti causali:

  • “2505” denominato “BOLLO VIRTUALE - RATA”;
  • “2506” denominato “BOLLO VIRTUALE - ACCONTO”;
  • "2507” denominato “BOLLO VIRTUALE - Sanzioni”;
  • “2508” denominato “BOLLO VIRTUALE - Interessi”.

Nella compilazione del modello F24 le nuove causali sono da inserire nella sezione “Erario”, in corrispondenza della colonna “importi a debito versati”.

Altresì, sono state fornite le modalità di compilazione del modello F24 "Enti Pubblici".

In particolare, in sezione "dettaglio versamento", vengono richiesti:

  • nel campo “sezione”, il valore “F” (Erario);
  • nel campo “codice tributo/causale”, il codice tributo;
  • nei campi “codice ufficio”, “codice atto” e “riferimento B” il codice atto, il codice ufficio e l’anno di riferimento (formato AAAA);
  • nel campo “riferimento A”, nessun valore

La risoluzione ha ulteriormente precisato che nel caso vi sia un pagamento rateale con codice 2505, le modalità di compilazione variano a seconda che si utilizzi il modello F24 o il modello F24 "enti pubblici".

Inoltre, sarà richiesto il numero della rata bimestrale nel formato "NNRR", dove NN rappresenta il numero della rata in pagamento e RR il totale delle rate bimestrali, da inserire nel campo "rateazione/regione/prov./mese di rif.to" per il modello F24 e nel campo "riferimento A" per il modello F24 Enti Pubblici.


Commenta la notizia



Effettua la log-in e accedi al pannello a te riservato.


Resta sempre aggiornato sul mondo di Cafasso e Figli