Italian  English  French 


Pensioni - Verifica delle prestazioni collegate al reddito dell'anno 2012

Articolo letto 2411 volte, scritto il 20/02/2015 da Studio Cafasso

Con messaggio n. 802 del 3 febbraio 2015, l’INPS ha dato il via libera alla Campagna RED2013 ed ha comunicato di aver ricostituito a livello centrale, nel mese di dicembre 2014, per i soggetti residenti in Italia, le pensioni delle gestioni private che hanno beneficiato di prestazioni collegate al reddito dell'anno 2012 e per le quali sono pervenute le informazioni richieste.

Nella specie, è stata fatta la verifica reddituale delle pensioni di cui sopra e prima di procedere alla verifica delle prestazioni collegate al reddito, sono state effettuate le attività propedeutiche finalizzate all’individuazione dei soggetti interessati, in funzione delle prestazioni da verificare e del reddito da prendere in esame in caso di trasmissione della stessa informazione da parte di più fonti.

Dopodiché, sono state elaborate tutte le pensioni dei soggetti per i quali le informazioni reddituali sono risultate complete.

La verifica è stata attuata riguardo alle sole prestazioni effettivamente corrisposte in funzione del reddito dell’anno 2012.

Sono state elaborate sia le pensioni con conguaglio a credito del pensionato che quelle con conguaglio a debito, pertanto relativamente al:

  • conguaglio a credito: qualora dall’attività di verifica scaturisca un conguaglio a credito per i periodi precedenti e/o una variazione in aumento dell’importo della rata di pensione in pagamento, le procedure dell’INPS hanno provveduto a ricostituire la pensione e ad aggiornare il database delle pensioni con i nuovi dati. In particolare, il ricalcolo è stato effettuato con arretrati al 31 gennaio 2015; quindi, la rata di pensione aggiornata viene posta in pagamento a partire dal mese di febbraio 2015. Per i conguagli di importo fino a 500 euro, la differenza sarà validata e posta immediatamente in pagamento. In tal caso, all’atto della validazione automatica, la procedura ha provveduto anche alla determinazione delle ritenute IRPEF;
  • conguaglio a debito: con riferimento ai conguagli a debito, la procedura ha preso come riferimento l’ultima rata estratta. Pertanto, la data di fine calcolo arretrati è pertanto gennaio 2015 e l'importo di pensione aggiornato è posto in pagamento dalla rata di febbraio 2015. In particolare, i conguagli a debito fino a 12 euro non sono stati recuperati. Per quanto riguarda i recuperi, saranno avviati a partire dalla rata di pensione di giugno 2015 al fine di consentire agli interessati, una volta ricevuta la comunicazione, di segnalare eventuale rettifica di dichiarazioni reddituali errate.

Come di consueto, agli interessati verranno inviate comunicazioni differenti a seconda che il conguaglio prodotto sia a credito o, a debito.

Ad ogni modo, l’INPS specifica che non sono state elaborate le pensioni per le quali i nuclei reddituali presentavano una delle seguenti situazioni:

  • soggetti titolari di pensioni previdenza complementare e informazioni provenienti da Agenzia delle Entrate non congrue;
  • soggetti per i quali è presente l’informazione di titolarità di pensione estera e dichiarazione pervenuta esclusivamente da Agenzia delle Entrate.

Tali soggetti riceveranno, da parte della Direzione Generale INPS, la richiesta di integrare la dichiarazione reddituale già resa.

Ai soggetti per i quali le informazioni reddituali per l’anno 2012 non risultano rientrate sarà notificata la sospensione con lettera raccomandata A.R.

In tal caso, la comunicazione  conterrà il codice fiscale del soggetto per il quale non risultano presenti le informazioni reddituali relative all’anno 2012.

L’interessato sarà tenuto a integrare le informazioni richieste dall’INPS; ciò produrrà conseguenze differenti a secondo se la dichiarazione verrà resa o meno entro i primi 60gg successivi alla sospensione.

Nel primo caso, la prestazione viene ripristinata dal mese successivo alla comunicazione, previo accertamento del relativo diritto anche per l'anno in corso.

Nel secondo caso invece, l’INPS procede alla revoca in via definitiva delle prestazioni collegate al reddito e al recupero di tutte le somme erogate a tale titolo nel corso dell'anno in cui la dichiarazione dei redditi avrebbe dovuto essere resa.

 

 


Commenta la notizia



Effettua la log-in e accedi al pannello a te riservato.


Resta sempre aggiornato sul mondo di Cafasso e Figli