Italian  English  French 


Bando ISI - Imprese che investono in sicurezza

Articolo letto 1252 volte, scritto il 20/02/2015 da Studio Cafasso

Pubblicato dall’INAIL il bando ISI 2014 relativo agli incentivi ex-art. 11 comma 5, del DLgs. n. 81/2008 Testo Unico sulla sicurezza destinati alle aziende che realizzano, mediante progetti specifici, interventi in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

 

Obiettivo

L’obiettivo è quello di incentivare le imprese a realizzare interventi finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro.

 

Soggetti destinatari

I soggetti destinatari dei contributi sono le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria  artigianato e agricoltura.

Sono escluse le imprese che risultino già ammesse alle precedenti 3 edizioni del bando ISI (avvisi 2011, 2012 e 2013) nonché le imprese già ammesse al bando FIPIT 2014.

 

Dotazione finanziaria

Le risorse disponibili ammontato a 267 milioni di euro ripartiti in budget regionali.

 

Interventi ammissibili

Saranno finanziati:

  •                 progetti d'investimento per il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro;
  •                 progetti per l'adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.

Le imprese possono presentare un solo progetto per una sola unità produttiva.

La nuova versione del bando presenta novità in merito alle tipologie di interventi agevolabili. Non saranno più finanziabili progetti per la sostituzione o l’adeguamento di attrezzature di lavoro, comprese le macchine agricole, messe in servizio prima del 21 settembre 1996 c.d. direttiva macchine.

 

Agevolazione

Il contributo, a fondo perduto, è concesso nella misura del 65% dell’investimento, per un massimo di 130.000 euro.

Il tetto minimo di finanziamento sarà pari a 5.000 euro, non applicabile per domande di finanziamento relativi modelli di organizzazione e gestione della sicurezza e di responsabilità sociale presentate da imprese fino a 50 addetti.

 

Presentazione domande

I progetti potranno essere inseriti dal 3 marzo al 7 maggio 2015, per poter partecipare alla fase successiva dell’invio telematico della domanda.

Successivamente a far data dal 12 maggio 2015, le imprese che hanno raggiunto la soglia minima di ammissibilità e salvato la domanda possono accedere nuovamente alla procedura informatica ed effettuare il download del proprio codice identificativo che le individua in maniera univoca.

Le imprese possono inviare attraverso lo sportello informatico la domanda di ammissione al contributo, utilizzando il codice identificativo attribuito alla propria domanda, ottenuto mediante la procedura di download.

La data e gli orari di apertura e chiusura dello sportello informatico per l’invio delle domande saranno pubblicati sul sito INAIL a partire dal 3 giugno 2015.  


Commenta la notizia



Effettua la log-in e accedi al pannello a te riservato.


Resta sempre aggiornato sul mondo di Cafasso e Figli