Italian  English  French 


Mancato superamento del periodo di prova e licenziamento del disabile

Articolo letto 1614 volte, scritto il 23/02/2015 da Studio Cafasso

Nella sentenza n. 469 del 14 gennaio 2015, la Corte di Cassazione ha ricordato che il licenziamento del lavoratore disabile per mancato superamento del periodo di prova non richiede, necessariamente, una formale comunicazione delle ragioni del recesso.

Con ricorso, ritualmente depositato, una lavoratrice ha esposto:

  • di essere stata selezionata come appartenente a categoria protetta per un corso di tirocinio di sei mesi presso un Ospedale di Roma, come addetta, rispettivamente, alle pulizie, al rifacimento dei letti e al servizio dei pasti ai malati;
  • di essere stata assunta, al termine del tirocinio, come ausiliario specializzato con contratto a tempo indeterminato, comprensivo del patto di prova di sei mesi;
  • che l’azienda ospedaliera aveva risolto il rapporto di lavoro per mancato superamento della prova.

Ciò premesso, ha convenuto in giudizio l’azienda per sentir accertare l’illegittimità del recesso, con le conseguenze previste dall’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori.

La Corte di Appello ha confermato, però, la pronuncia con la quale il Tribunale del primo grado ha rigettato la domanda della ricorrente.

Nel pervenire a tale conclusione la Corte territoriale ha osservato che la donna, nel rispetto della convenzione con la Provincia di Roma, è stata ammessa al tirocinio con la qualifica di ausiliario specializzato e che i suoi tutori esterni, destinati al controllo del regolare svolgimento del tirocinio, non avevano formulato alcun rilievo sul suo operato, pertanto, detto rapporto doveva considerarsi regolare sia sotto il profilo della costituzione che riguardo al rispetto della normativa in materia.

La stessa Corte ha poi aggiunto che, in seguito, la lavoratrice ha stipulato un contratto a tempo indeterminato, nel quale è stata validamente inserita la clausola del patto di prova della durata di sei mesi e che la datrice di lavoro aveva posto fine alla prova senza indicarne i motivi, che, tuttavia, non erano stati richiesti dalla ricorrente.

Investita della questione, la Cassazione ha ricordato che, secondo il costante orientamento espresso dalla giurisprudenza di legittimità, nell’ipotesi di patto di prova legittimamente stipulato con uno dei soggetti protetti, assunti in base alla normativa sul collocamento obbligatorio, il recesso dell’imprenditore durante tale periodo è sottratto alla disciplina limitativa del licenziamento individuale per quanto riguarda l’onere dell’adozione della forma scritta e non richiede, pertanto, una formale comunicazione delle ragioni del recesso.

In sostanza, in simili casi la manifestazione di volontà del datore di lavoro, in quanto riferita all’esperimento in corso, si qualifica come valutazione negativa della prova e comporta, senza necessità di ulteriori indicazioni, la definitiva e vincolante identificazione della ragione che giustifica l’esercizio del potere di recesso.

Per tale ragione, gli Ermellini hanno confermato quanto disposto nell’impugnata sentenza.


Commenta la notizia



Effettua la log-in e accedi al pannello a te riservato.


Resta sempre aggiornato sul mondo di Cafasso e Figli